Skip to content

GiùLavoro

Una guida per orientarsi nel mondo del lavoro e più in generale delle opportunità rivolte alle persone disabili, con notizie semplici e chiare, come dire … “accessibili”!

—————————————————————————————————————————————————-

Progetto dedicato all’inserimento lavorativo di persone con disabilità, persone di origine straniera; persone appartenenti a categorie protette.

Info su http://diversitalavoro.it/

—————————————————————————————————————————————————-

Il sito www.agenzialavorodisabili.it è una vera e propria agenzia interinale che si prefigge l’obiettivo di collocare i disabili nel mondo del lavoro.

Per accedere all’area riservata occorre registrarsi, dopodichè sarà possibile compilare il proprio curriculum che sarà visionato da aziende partner pronte ad offrire una possibilità di lavoro.

—————————————————————————————————————————————————

ArteMusia utilizza l’espressione corporea globale, finalizzata al potenziamento delle capacità comunicative e di relazione, nella cornice di un lavoro teatrale.

Info su www.artemusia.it

—————————————————————————————————————————————————-

Di seguito alcuni riferimenti normativi, per avere strumenti chiari a vostra disposizione.

—————————————————————————————————————————————————-

LEGGE 12 MARZO 1999, N. 68

“Norme per il diritto al lavoro dei disabili“

Legge innovativa e di forte spessore sociale per la possibilità che viene data di continuare una vita di relazione al di fuori degli schemi familiari, di evitare forme di isolamento in casa e di poter avere una autonomia economica. La legge prevede il “collocamento mirato”, ossia “quella serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto adatto, attraverso analisi di posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzioni dei problemi connessi con gli ambienti, gli strumenti e le relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione, la possibilità per la persona disabile di svolgere un lavoro consono alle proprie capacità” (Art 2, comma 1).

—————————————————————————————————————————————————

LEGGE 5 FEBBRAIO 1992, N. 104

“Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate.”Con modifiche introdotte dalla Legge 8 marzo 2000, n. 53 e dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151.

Art. 18. Integrazione lavorativa – comma 1. Le regioni, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, disciplinano l’istituzione e la tenuta dell’albo regionale degli enti, istituzioni, cooperative sociali, di lavoro, di servizi, e dei centri di lavoro guidato, associazioni ed organizzazioni di volontariato che svolgono attività idonee a favorire l’inserimento e l’integrazione lavorativa di persone handicappate.

Art. 19. Soggetti aventi diritto al collocamento obbligatorio – comma 1. In attesa dell’entrata in vigore della nuova disciplina del collocamento obbligatorio, le disposizioni di cui alla legge 2 aprile 1968, n. 482, e successive modificazioni, devono intendersi applicabili anche a coloro che sono affetti da minorazione psichica, i quali abbiano una capacità lavorativa che ne consente l’impiego in mansioni compatibili.

—————————————————————————————————————————————————

IL COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

A tutela dei lavoratori disabili, l’ordinamento italiano impone ai datori di lavoro pubblici e privati l’assunzione obbligatoria di una quota di soggetti con ridotte capacità lavorative. Per chi assume sono previsti incentivi economici e sgravi fiscali.

Il collocamento obbligatorio è riservato alle seguenti tipologie di disoccupati:

- Disabili

- Altre categorie (es. orfani, profughi e vittime del terrorismo)

Per iscriversi al collocamento obbligatorio è necessario essere disoccupati, tranne che per le vittime del terrorismo e non aver raggiunto l’età pensionabile.  Possono iscriversi le persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%.

Gli orfani ed i figli dei soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro possono iscriversi se minori di età al momento della morte del genitore: sono considerati minori i figli fino al giorno del ventunesimo compleanno (se studenti scuola superiore), e fino a ventisei anni se universitari.

La documentazione richiesta può variare in base alle diverse esigenze degli uffici del collocamento obbligatorio ed è inoltre soggetta a disposizioni regionali e locali che possono differenziarsi sul territorio.

—————————————————————————————————————————————————

LEGGE 8 NOVEMBRE 1991, N.381

“Disciplina delle cooperative sociali“

1. Definizione – Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini attraverso: a)  la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi; b) lo svolgimento di attività diverse – agricole, industriali, commerciali o di servizi – finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

Nota: le persone svantaggiate devono costituire almeno il trenta per cento dei lavoratori della cooperativa e, compatibilmente con il loro stato soggettivo, essere socie della cooperativa stessa.

—————————————————————————————————————————————————